Membro del Comitato Scientifico di kodami
Etologa

Lo sguardo languido, le forme paffute e i movimenti lenti collocano il koala (Phascolarctos cinereus) tra gli animali capaci di far sciogliere anche i cuori più duri. Il koala trascorre buona parte del suo tempo abbracciato agli alberi. Sapete perché? Perché così si rinfresca! È un animale arboricolo e i tronchi d'albero solo gli unici microclimi in cui esso, quando fa molto caldo, può trovare un bel fresco e una piacevole ombra, analogamente a quanto avviene negli ambienti sotterranei per molte specie terrestri. Il koala abbraccia il tronco dell'albero tenendo premuto il ventre dal pelo rado contro la superficie, e così facendo riesce a disperdere il calore in modo molto efficiente, arrivando a dimezzare la quantità di calore che deve disperdere attraverso l’evaporazione durante una tipica giornata calda.

Una funzione termoregolatrice

In buona sostanza, il comportamento di abbracciare gli alberi ha per i koala una funzione termoregolatrice. Inoltre, permettendo all’organismo di conservare più acqua, questo comportamento è fondamentale per la loro sopravvivenza durante le ondate di caldo estremo, quando la disponibilità di acqua nell’ambiente esterno è limitata. Spesso i koala preferiscono il tronco principale ai rami laterali o alla chioma, e tendono a scendere, avvicinandosi al suolo, man mano che la temperatura dell'aria aumenta. Ciò avviene perché la superficie degli alberi è sostanzialmente più fresca alla base e a metà tronco che nelle altre regioni, e qui i rotondi marsupiali possono trovare anche 5°C in meno rispetto alla temperatura ambientale.

I koala e l'eucalipto

Il koala è un folivoro, un erbivoro specializzato nel nutrirsi esclusivamente di foglie di eucalipto. Le foglie di eucalipto sono caratterizzate da un basso valore nutritivo e da un alto contenuto di fibre, e quindi non sono per nulla energetiche! I koala non sono pigri: è solo che, come molti altri erbivori arboricoli, hanno bisogno di rimanere inattivi per lunghi periodi, durante la giornata, per conservare l’energia. Quando sono svegli, alternano momenti di attività, in cui mangiano e si spostano da una zona all’altra dell’albero per raggiungere le foglie, a periodi di relativa inattività, nei quali più che altro restano appollaiati su un ramo, masticando o guardandosi intorno. Ma ci sono tante altre curiosità sui koala e il loro rapporto con questa preziosa pianta.

Bisogno di riposo per digerire

Le foglie di eucalipto sono ricche di metaboliti vegetali secondari, tra cui i composti del formilato floroglucinolo. Queste sostanze rendono le foglie amare, e infatti i koala prediligono nettamente quelle che ne contengono meno. I composti del formilato floroglucinolo, inoltre, rappresentano un altro fattore in grado di influenzare i modelli di attività dei koala. Difatti, i periodi di inattività servono al koala anche per disintossicarsi da queste sostanze. In altre parole, i koala hanno bisogno di riposare anche per digerire.

Un animale notturno

I koala sono generalmente considerati notturni, pur manifestando anche una certa attività diurna. Restano attivi per una media di 4-5 ore al giorno, ma lo sono meno dall'alba a metà pomeriggio. Dopo le 14, i livelli di attività aumentano, fino a raggiungere il picco tra le 21:00 e le 22:00, quando la temperatura ambientale è minore. I koala sono i marsupiali con il mantello dotato delle maggiori proprietà isolanti, sia nei confronti del freddo che del vento. Possono quindi sopportare le basse temperature, mentre mal tollerano il forte caldo. Limitando la loro attività ai periodi più freschi della giornata, essi riescono a minimizzare lo stress legato alla termoregolazione.

Una specie protetta

L’elevato grado di specializzazione alimentare rende il koala particolarmente suscettibile ai cambiamenti del suo ambiente. Abbiamo visto, inoltre, che gli alberi sono, per ragioni alimentari e non, fondamentali per la sua sopravvivenza. Durante la stagione calda, in particolare, rappresentano un requisito di vitale importanza nell’habitat di questo animale, come anche di altre specie arboricole, inclusi primati, leopardi e uccelli. La crescita della popolazione e delle attività umane, l'espansione delle strade e l'intensa deforestazione, invece, hanno frammentato il suo habitat e ridotto la possibilità dei koala di muoversi attraverso le fronde degli alberi, rendendo la specie altamente vulnerabile. Non a caso il koala è il protagonista del calendario 2022 di Greenpeace.

Bibliografia

Briscoe, N. J., et al. (2014). Tree-hugging koalas demonstrate a novel thermoregulatory mechanism for arboreal mammals. Biol Lett, 10(6):20140235.

Briscoe, N. J. (2015) Tree-hugging behavior beats the heat. Temperature, 2(1):33-35.

Ryan, M. A., et al. (2013). Activity patterns of free-ranging koalas (Phascolarctos cinereus) revealed by accelerometry. PloS one, 8(11):e80366.