Validato da Sonia Campa
Membro del Comitato Scientifico di kodami
Consulente per la relazione uomo-gatto

Ogni azione dei nostri piccoli felini, anche se può sembrare a noi oscura o particolarmente strana, ha sempre una spiegazione. E anche se talvolta qualche atteggiamento può essere fastidioso per alcuni, come per esempio l'essere leccati, è importante essere in grado di interpretare il linguaggio felino, comprendendo che con quel gesto, per esempio, il gatto esprime la voglia di interagire con noi. Questa consapevolezza ci aiuterà ad agire di conseguenza.

La comunicazione dei gatti

Dal linguaggio del corpo ai miagolii, dallo sguardo a come muovono la coda, dagli atteggiamenti, come il leccare, fare le fusa o mordicchiare, i nostri gatti hanno tanti modi diversi di comunicare pur non verbalizzando. Comprendere quel tipo di comunicazione ci permette di poter interagire con essi nel modo corretto senza fraintendimenti. Non è una missione impossibile. Basta osservare attentamente l'animale.

Perché i gatti leccano?

La motivazione non è una sola. Diciamo che principalmente lo fanno per esprimere fiducia e vicinanza al proprio umano di riferimento. Un modo per mettere la propria "firma" sulla persona (ma può essere anche un altro animale) saldando il legame che li unisce e l’appartenenza l’uno all’altro. Quindi se i gatti leccano i loro umani è perché si sentono al sicuro e provano una piacevole situazione di benessere.

Leccare il proprio umano o gli altri membri della famiglia per il micio, però, non è solo un modo per esprimere il suo affetto. Gli serve anche per rilassarsi: spesso, se si nota, infatti il gatto inizia a leccarci nei momenti in cui anche noi siamo in una situazione di relax.

Non è un caso che, al contrario, questo comportamento diventi ripetitivo in situazioni di disagio. Quando, per esempio, il gatto è spaventato o nervoso, spesso inizia a leccarsi ossessivamente le zampe o la coda, arrivando addirittura, nei casi più gravi, a procurarsi delle ferite.

Perché i gatti fanno le fusa

C’è un’altra ragione puramente biologica per cui i gatti a volte ci leccano: perché vogliono imprimere su di noi il proprio odore. Pur non vivendo più nella natura selvaggia, il gatto domestico resta comunque un animale territoriale, con un forte istinto primordiale che lo porta a marcare il proprio territorio. Se il gatto ci lecca, allora, è anche un modo per dirci che siamo a tutti gli effetti una sua “proprietà” e che ci sta imprimendo addosso il suo marchio.

Perché i gatti mordono

Per gioco o per noia, per difendersi o attaccare: ci sono molte ragioni per cui un gatto potrebbe improvvisamente iniziare a mordere, apparentemente senza provocazione. È importante capire che il mordere del gatto non è sempre legato all’aggressività. Molto spesso, quando i gatti mordono stanno cercando di dirci che non stanno godendo il contatto che stanno attualmente ricevendo. Per i felini c’è una linea molto sottile tra le coccole piacevoli e quelle fastidiose, così mentre l'umano può pensare che un morso sia arrivato dal nulla, per un gatto l’azione è del tutto giustificata. Se morsicano i piedi e le caviglie, per esempio, può essere per noia. In questo caso, può essere che il gatto non si senta sufficientemente stimolato. Ma il gatto morde anche quando gioca. Se invece si tratta di aggressività il mordere sarà accompagnato anche da altri segni, come per esempio una postura difensiva arcuata.

Perché leccano e poi mordono e come comportarsi in questi casi

Non è raro che da un momento di relax, la situazione si trasformi invece in qualcosa di meno piacevole. Può capitare che il micio improvvisamente passi dal leccare a dare dei morsetti. In questo caso, se però dovesse iniziare ad esagerare o fare male, è importante non incoraggiarlo ulteriormente. Un modo semplice per farlo è alzarsi e allontanarsi, lasciandolo da solo. Così facendo dovrebbe associare il morso alla fine delle coccole e via via smettere. Se non si riesce a farglielo capire in questo modo, si può sempre chiedere consiglio al veterinario o ad un esperto di comportamento felino su tecniche specifiche che aiutino a correggere questo comportamento.

La comunicazione emozionale con il gatto: slow blinking, dal contatto visivo alla lettura delle emozioni

Perché i gatti gironzolano?