9 Novembre 2023
12:19

Perché ai gatti non vanno date le pacche sul sedere?

Online si trovano molti video di mici "sculacciati" e questo ha fatto diffondere la convinzione, errata, che ai gatti piaccia ricevere pacche sul sedere. In realtà, non solo non gli piace ma non dovremmo mai farlo perché interpretano questo gesto come una punizione corporale.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
360 condivisioni
Validato da Sonia Campa
Membro del comitato scientifico di Kodami
Immagine

Ai gatti piacciono le pacche sul sedere? Decisamente no! Tanti lo pensano e infatti una delle domande più frequenti sul Web è proprio: "Perché ai gatti piacciono le pacche sul sedere?". Bene, siamo qui proprio a sfatare questo errato luogo comune. Capita che ci siano mici che amano un contatto un po' più energico, ma non sono la maggioranza e non sono la norma. Per questo sostenere, come si trova appunto online, che ai gatti piacciono le pacche sul sedere è del tutto sbagliato e spesso i comportamenti del gatto possono essere fraintesi e farci pensare che sia un gesto gradito.

Non è vero, ad esempio, che provano piacere perché fanno le fusa e nemmeno perché inarcano la schiena: nel primo caso si tratta di una manifestazione di disagio e nel secondo di una reazione fisiologica dovuta alle terminazioni nervose che hanno intorno alla coda.

Per il micio le pacche sono da ricondursi a delle forme di punizione corporali e dunque incentivare questo comportamento è sbagliato. Vediamo di seguito i principali motivi che sono da ricercarsi principalmente nella destabilizzazione della relazione e nell'insorgere di problemi comportamentali, sia di aggressività che di paura.

Perché si rompe la fiducia

I gatti sono in grado di sviluppare un legame emotivo con i pet mate, il ché significa che possono provare sentimenti di affetto e affiliazione nei confronti degli esseri umani. Lo dimostrano dormendo accanto a noi, a volte facendo le fusa, leccandoci o tenendo la coda all'insù. L'affiliazione del gatto però può venir meno se qualcosa compromettere la relazione a 360 gradi.

Sorprenderlo dandogli delle pacche sul sedere (in realtà sui fianchi, nel caso di specie) che lui interpreta come punizioni, può farci perdere la sua fiducia e con un gatto, come sappiamo, una volta persa, difficilmente verrà concessa nuovamente.

Si rischia di scatenare risposte aggressive

Azione e reazione. Secondo gli etologi i gatti che ricevono dall'umano delle pacche sul sedere interpreteranno il gesto come qualcosa che supera i confini del rispetto reciproco e soprattutto come un attacco. Per questo motivo, il micio per reagire alla paura, al fastidio o semplicemente per difendersi, potrebbe reagire in modo aggressivo, tirando fuori le unghie o cercando di mordere quella mano che si è spinta troppo in là. Un'abitudine, quella di dargli delle pacche sul sedere, che oltre a infastidire il gatto può mettere in discussione anche l'incolumità del pet mate che può essere attaccato in un momento a suo dire di gioco.

Gli provocano stress

Quando riceve le pacche sul sedere il gatto porta in avanti il corpo come se facesse stretching, in realtà sta cercando di allungarsi per guadagnare spazio e togliersi dalle vostre grinfie. Quando si tratta di benessere animale bisogna sempre mettere all'ultimo posto il compiacimento umano: sì, in alcuni video potrà anche apparire divertente dargli le patte e vedere che reazione ha, ma quasi senza ombra di dubbio questa sarà di stress. Il gatto non disdegna le carezze, ma alle sue condizioni; figuriamoci le pacche sul sedere. Per avere un contatto fisico con lui dobbiamo prima instaurare un rapporto di fiducia che il gatto valuta sin dai primi momenti in cui ci vede e in base alla nostra "pericolosità" che dipende anche dai nostri comportamenti.

Avatar utente
Annissa Defilippi
Giornalista
Racconto storie di umani e animali perché ogni individuo possa sentirsi compreso e inserito nella società di cui fa parte a pieno diritto. Scrivo articoli e realizzo video mettendomi in ascolto dei protagonisti; nascono così relazioni che, grazie a Kodami, possono continuare a vivere.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social