22 Giugno 2022
12:50

Morto Teo, il cane meticcio che sfidò un lupo per difendere il gatto Yuppi

Teo, un cane meticcio che nel 2016 aveva ricevuto il Premio internazionale fedeltà del cane, è morto all'età di 10 anni. Aveva salvato il gatto di famiglia mettendo in fuga un lupo.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
4.830 condivisioni
Immagine

La sua famiglia di riferimento e la comunità del Premio internazionale fedeltà del cane di Camogli piangono Teo, cane meticcio premiato nel 2016.

Teo se ne è andato a 10 anni circondato dai suoi pet mate, Romy e Alessandro, e lasciando traccia del suo coraggio. Sei anni fa aveva sfidato un lupo per difendere il gatto Yubbi e proteggere la propria casa a Cairo Montenotte, in provincia di Savona.

La sua storia inizia in una cascina abbandonata dove il cagnone, dolce e coraggioso, viveva insieme ad altri animali nella campagna vicina alla casa dei suoi futuri per mate, che da tempo conoscevano la sua mamma. Era stata proprio la cagna a far capire a Teo il suo destino.

Un giorno, di ritorno dalla casa di Romy e Alessandro che la mamma cane frequentava per ricevere coccole e cibo e proprio per allattare il suo cucciolo, si ferma sul sentiero e con uno sguardo intima a Teo di non seguirla più, come a dirgli “questo è il posto per te”. Da quel giorno Teo non è mai più andato oltre quel punto. Passati quattro anni, il meticcio aveva maturato un vero senso di appartenenza al suo nuovo branco, composto da Romy, Alessandro e Yubbi, il gatto con cui divideva tutto, anche le pappe.

Immagine

Una sera di marzo del 2016 Yubbi è in giro fuori casa quando all’improvviso Teo si drizza, scopre i denti fissando la porta e pochi secondi dopo il gatto terrorizzato si precipita in casa. Istintivamente Alessandro apre la porta per controllare fuori e Teo come una furia sparisce nella notte. Un susseguirsi di guaiti, latrati, un sordo ringhiare fa pensare alla classica zuffa tra cani. Alessandro fa un passo in quella direzione e dopo lo scatto della fotocellula si accendono le luci. Davanti a lui una scena inaspettata: Teo sta lottando con un lupo che alla fine si dilegua; passato il pericolo, Teo rientra in casa e si sdraia accanto al gatto.

«Un angelo a quattro zampe premiato nel 2016», scrive la conduttrice del Premio Internazionale Fedeltà del Cane di Camogli, Sonia Gentoso. «Un abbraccio stretto a Romy e Alessandro. Teo vi aiuterà anche a superare questo momento tanto difficile. L'amore vero, quello che non vi è mai mancato con Teo, resterà per sempre! Grazie Teo, a te e alla tua meravigliosa famiglia. Buon ponte».

L’idea del Premio fedeltà del cane nasce nel 1962. Un cagnolino, Pucci, abbandonato dalle sue persone di riferimento, arriva a San Rocco di Camogli e si affeziona ai bambini delle scuole elementari, aspettadoli al mattino sul piazzale della chiesa, li accompagna a scuola dove attende l’ora della ricreazione e la merenda che in parte andava a nascondere per il pasto della sera. E così ogni giorno, per oltre dieci anni. In memoria del cagnolino il signor Giacinto Crescini ebbe l’idea di istituire il premio, e parlandone col parroco di allora, don Carlo Giacobbe, riuscì a realizzarlo concretamente, collegando il premio alla Festa patronale di San Rocco che ha un particolare significato perché San Rocco è il protettore dei cani.

Immagine

Nasce così la manifestazione e il comitato organizzatore che fissa per il 16 agosto 1962 la prima premiazione. Il premio, nato come regionale, diventa prima nazionale e successivamente internazionale e da allora, tutti gli anni, il 16 agosto, giorno di San Rocco, vengono assegnati i premi fedeltà.

Avatar utente
Annissa Defilippi
Giornalista
Racconto storie di umani e animali perché ogni individuo possa sentirsi compreso e inserito nella società di cui fa parte a pieno diritto. Scrivo articoli e realizzo video mettendomi in ascolto dei protagonisti; nascono così relazioni che, grazie a Kodami, possono continuare a vivere.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views