Un gatto non ha nove vite, ma di sicuro nella vita di Binx, un micio nero di Miami, il numero nove ritorna. E sa sopravvivere. Viveva al nono piano del palazzo di 12 piani crollato lo scorso 25 giugno, con un bilancio di 79 vittime e 61 dispersi. Dopo 16 giorni dalla tragedia, ha potuto riabbracciare i suoi compagni umani.

È Daniella Levine Cava, sindaco della contea di Miami-Dade, a raccontare della «piccola buona notizia». Ci sono alcune gattare nei luoghi del crollo e una di loro ha riconosciuto il gatto portandolo in un rifugio per animali. Lì, nel Kitty Campus, è stato identificato. Non aveva microchip ma alcuni segni distintivi: le orecchie a punta, il muso stretto, una cicatrice sulla testa e alcuni peli bianchi.

«Sono felice che questo piccolo miracolo possa portare un po' di luce nella vita di una famiglia che oggi soffre e fornire una luce per tutta la nostra comunità nel mezzo di questa terribile tragedia», commenta. Secondo quanto si legge sull'edizione on line del quotidiano Miami Herald, Binx è tornato tra le braccia di Angela Gonzales e di sua figlia di 16 anni: lei si è rotta il bacino ma era comunque riuscita a portar via la ragazza dalle macerie. Il marito, Edgar, è invece tra i dispersi. Le squadre di soccorso hanno attivato da giorni alcune trappole per trovare gli animali domestici delle famiglie vittime del crollo del palazzo.

Palazzo crollato a Miami, arrivano Tal e Molley: cani da soccorso psicologico per i familiari delle vittime