Un delfino tursiope (Tursiops truncatus) morto e con la coda tranciata è stato trovato spiaggiato il 2 maggio nel versante orientale dell'Isola d'Elba, precisamente in zona di Peducelli, nel comune di Capoliveri. A segnalare il corpo senza vita del cetaceo alla polizia locale e alla Capitaneria di Porto è stata la sezione locale dell'ENPA (Ente Nazionale Protezione Animale) attraverso un post Facebook.

Il delfino potrebbe essere rimasto impigliato accidentalmente in una rete da pesca, da cui sarebbe stato "liberato" dai pescatori tagliandogli la coda. Sul corpo sembrano esserci anche altre ferite da taglio, ma è difficile stabilire con certezza le dinamiche che hanno portato alla morte. La carcassa è stata recuperata dalle autorità e solo un'eventuale necroscopia potrà chiarire definitivamente le cause del decesso.

Dello stesso avviso è anche Carlotta Vivaldi, biologa marina e cetologa, che contattata da Kodami ha dichiarato: «Dalle foto e dalla colorazione sembrerebbe trattarsi di un sub-adulto o di un adulto di almeno 2,5 metri. La coda potrebbe essere stata tagliata nettamente, ma è difficile averne la certezza da queste foto. Servirebbero foto più dettagliate, quindi non azzardiamo conclusioni e aspettiamo magari i risultati delle analisi. Peccato non ci siano foto di buona qualità della pinna dorsale, altrimenti si sarebbe potuto contattare uno dei vari gruppi di ricerca che studiano la specie in zona per capire se si tratta di un individuo riconoscibile con la fotoidentificazione».

Taiji, la strage infinita dei delfini