Stava facendo una battuta di caccia, quando ha sparato a un cinghiale che l’ha puntato e aggredito. Sono morti entrambi. È quanto accaduto domenica mattina ad Alessandria. Il cacciatore era Lazzaro Valle, di 74 anni. Abitava ad Arenzano, in Provincia di Genova, e si trovava nei boschi tra Castelletto e Silvano d’Orba per una battuta di caccia.

I cani avevano portato i cinghiali nell’area dove erano appostati i cacciatori. Valle ha sparato contro l’animale e lo ha ferito. Ma invece di fuggire, ha caricato il 74enne, scaraventandolo a terra e lacerandogli con le zanne l'arteria femorale. I soccorritori, i suoi colleghi di caccia, hanno cercato di limitare le perdite di sangue usando la cintura dei pantaloni. Ma la ferita è risultata così grande che non è stato possibile contenerla in quel modo. Poi è stato il personale del 118 a cercare di aiutarlo, portandolo in elicottero all'ospedale Santi Antonio e Biagio.

Arrivato in pronto soccorso in codice rosso, nonostante una delicata operazione chirurgica, è morto durante la notte. Anche il cinghiale, a causa del ferimento, ha perso la vita. L’indagine è nelle mani dei carabinieri di Novi Ligure che stanno indagando sulle dinamiche dell’accaduto.

Il primo giorno di caccia ha fatto i suoi danni anche nel Veronese. Un ciclista, che stava pedalando sul crinale della Val Tramigna, tra i Comuni di Cazzano e San Giovanni Ilarione, è stato preso da un colpo sparato da un fucile. Il cacciatore voleva mirare a un fagiano ma ha preso l’ignaro passante. Nella frazione di Contini, a San Giovanni Ilarione, un altro incidente ha coinvolto due cacciatori, amici. Uno dei due voleva prendere in pieno una lepre, ma il proiettile è stato deviato (molto probabilmente da un palo) e ha colpito l’amico che era un po’ più avanti. Le condizioni di entrambi i feriti non sono gravi. Non solo ad avere la peggio possono essere gli animali, ma anche gli esseri umani possono essere colpiti da incidenti derivati dalle doppiette.  Secondo Avc, l'Associazione vittime della caccia, nella scorsa stagione ci sono stati 14 morti e 48 feriti in tutta Italia.

Siccità e incendi, l'ISPRA chiede alle Regioni di limitare la caccia nelle zone più colpite

Iniziata la raccolta firme per il referendum per abolire la caccia