27 Giugno 2023
15:54

Due ibridi tra cicogna bianca e nera sono nati per la prima volta in natura

Un maschio di cicogna bianca e una femmina di cicogna nera hanno fatto coppia in Germania e sono nati due piccoli ibridi. È la prima volta che viene osservata in natura una coppia ibrida tra le due specie, finora era accaduto solo in cattività.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
9.076 condivisioni
Immagine

Quando lo scorso aprile un maschio di cicogna bianca di nome Heinrich era stato fotografato durante l'accoppiamento con la sua nuova compagna la notizia aveva sollevato parecchio scalpore tra gli ornitologi. A far coppia con lui sul solito nido di Lüder, in Germania, non c'era infatti Ilse, la storica compagna con cui metteva su famiglia da ben quattro anni di fila, ma una nuova partner decisamente più insolita: una femmina di cicogna nera.

Aver osservato un accoppiamento tra due specie diverse era già di per sé un evento raro, ma la coppia di Lüder è andata persino oltre le più rosee aspettative dando alla luce due piccoli ibridi "simpaticamente" ribattezzati "cicogne grigie". Circa un mese fa, infatti, contro ogni previsione da parte degli esperti, le due uova deposte dalla cicogna nera si sono schiuse e ora le due piccole cicogne ibride sono state anche marcate con un anello identificativo.

Immagine
La strana coppia di Lüder

In natura non è così insolito che due specie diverse possano accoppiarsi, tuttavia nella maggior parte dei casi difficilmente riescono poi a dar luce a dei piccoli. In questo caso, inoltre, da quello che sappiamo non era mai stata osservata prima una schiusa ibrida in natura. Cicogna bianca (Ciconia ciconia) e cicogna nera (Ciconia nigra), per quanto siano due specie strettamente imparentate, hanno abitudini e comportamenti riproduttivi molto diversi tra loro, per cui è davvero rarissimo che possano formare una coppia in natura.

Finora, infatti, coppie ibride erano state osservate esclusivamente in cattività, dove però la convivenza forzata gioca inevitabilmente un ruolo cruciale nel facilitare l'accoppiamento. Nel 2010, per esempio, due ibridi cicogna bianca-cicogna nera erano nati all'interno dei recinti dello zoo di Tallin, in Estonia, e anche in qual caso, proprio in virtù dell'eccezionalità dell'evento, la notizia era circolata parecchio tra gli esperti. Non sappiamo quali siano le ragioni etologiche che hanno portato alla formazione di questa coppia, ma secondo alcuni esperti la cicogna nera potrebbe essere nata e cresciuta in allevamento a stretto contatto con altre cicogne bianche, sviluppando quindi un certo imprinting verso quest'ultime.

Ma Heinrich e Isis, come stata poi ribattezzata la femmina di cicogna nera, sono comunque andate oltre le cosiddette barriere riproduttive tra specie diverse, rompendo i rigidi canoni e le definizioni con cui talvolta, in maniera inevitabilmente antropocentrica, tentiamo di inscatolare la natura. Con tenacia hanno continuato sulla loro strada, allontanando inoltre tutte le altre cicogne bianche che hanno tentato nel frattempo di frapporsi al loro singolare legame, riuscendo alla fine a far nascere i loro piccoli.

Come hanno infatti confermato gli ornitologi che hanno fatto visita al nido per inanellare i piccoli, le due cicogne appena nate sembrano godere di buona salute, e vengono regolarmente nutrite e accudite da entrambi i genitori. Nelle ultime settimane, la coppia ha inevitabilmente attirato molti curiosi e appassionati che hanno osservato le dinamiche familiari armati di binocolo e anche l'afflusso di fotografi naturalistici è aumentato considerevolmente.

Immagine
Più timida e schiva della cicogna bianca, solitamente la cicogna nera nidifica lontano da qualsiasi potenziale disturbo di origine antropica

Per fortuna, il nido artificiale allestito dagli ornitologi su una piattaforma nel 2017, ricade in una proprietà privata inaccessibile, dove inoltre alcuni cartelli segnalano in maniera perentoria di non disturbare in alcun modo la famiglia. Ora, non resterà che attendere ancora qualche settimana per vedere se le due "cicogne grigie", come sperano tutti, riusciranno a completare il loro sviluppo e a lasciare il loro nido, eventualità più che probabile visto che ormai hanno superato le fasi più delicate e rischiose della loro crescita.

Sarà inoltre molto interessante vedere come sarà l'aspetto e il loro piumaggio una volta che saranno completamente cresciuti. Probabilmente, anche osservando gli altri ibridi negli uccelli e i piccoli nati a Tallin nel 2010, il piumaggio finale sarà esattamente intermedio nei disegni e nei colori tra una cicogna bianca e una nera. Per quanto riguarda invece il possibile futuro riproduttivo dei piccoli una volta lasciati il nido e raggiunta la maturità sessuale, gli esperti sono abbastanza pessimisti.

Immagine
Sia le cicogne bianche che le cicogne nere costruiscono grandi nidi a cesta con rami intrecciati

Anche se biologicamente affini, la maggior parte degli ibridi nati da due specie diverse sono quasi sempre sterili, come accade per esempio per i muli, nati dall'incrocio tra asino e cavalla, oppure per gli incroci tra leoni e tigri. Per di più, talvolta gli individui ibridi, morfologicamente e visivamente a metà tra le due specie da cui sono nati, anche se fertili fanno molta fatica a riprodursi, poiché non vengono riconosciuti e scelti come partner da nessuna delle due specie genitrici, come accade per esempio per gli ibridi nati tra cornacchia grigia e cornacchia nera.

La stagione riproduttiva delle cicogne europee, in ogni caso, quest'anno sta regalando diverse sorprese e storie interessanti. In Repubblica Ceca, per esempio, due femmine di cicogna bianca hanno messo su famiglia insieme ed entrambe stanno allevando l'unico pullo rimasto nel nido e nato contro ogni previsione. Sempre in Repubblica Ceca, era stata osservata un'altra coppia mista cicogna bianca-cicogna nera, tuttavia la storia d'amore non è poi proseguita.

Considerando inoltre che entrambe le specie stanno fortunatamente crescendo ed espandendo i loro areali, chissà quante altre sorprese ci riserveranno in futuro: le coppie ibride aumenteranno? Heinrich e Isis staranno ancora insieme l'anno prossimo? Non ci resta che attendere, del resto la natura non smette mai di rompere anche gli schemi e le regole più ferree che spesso le attribuiamo in modo forse un po' troppo semplicistico.

Avatar utente
Salvatore Ferraro
Redattore
Naturalista e ornitologo di formazione, sin da bambino, prima ancora di imparare a leggere e scrivere, il mio più grande sogno è sempre stato quello di conoscere tutto sugli animali e il loro comportamento. Col tempo mi sono specializzato nello studio degli uccelli sul campo e, parallelamente, nell'educazione ambientale. Alla base del mio interesse per le scienze naturali, oltre a una profonda e sincera vocazione, c'è la voglia di mettere a disposizione quello che ho imparato, provando a comunicare e a trasmettere i valori in cui credo e per i quali combatto ogni giorno: la conservazione della natura e la salvaguardia del nostro Pianeta e di chiunque vi abiti.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views