rubrica
Kodami Call

Dove vanno gli uccelli quando piove?

La maggior parte degli uccelli, quando piove, cerca riparo per evitare di bagnarsi. Ma allora dove vanno? E come si proteggono da pioggia e intemperie?

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
26 Novembre 2023
18:00
766 condivisioni
Immagine
Stai leggendo Kodami Call non perderti altri contenuti di Kodami
Immagine

Probabilmente potreste aver notato che quando piove, a prescindere che sia una pioggerellina o un vero e proprio acquazzone, gli uccelli che fino a un attimo prima erano a becchettare in giardino o fuori dalla finestra sembrano letteralmente sparire nel nulla. Ma allora dove vanno? E come si proteggono da pioggia e intemperie? Il loro comportamento sotto la pioggia in realtà dipende da vari fattori, come per esempio dalla specie, dal periodo o da quanto forte piove.

Gli uccelli di grandi dimensioni e soprattutto quelli acquatici, come gabbiani, limicoli aironi o rapaci, di solito se ne stanno semplicemente fermi aspettando che finisca la pioggia, quando non piove troppo forte. I piccoli passeriformi che invece vivono di solito tra gli alberi e gli arbusti, cercano luoghi riparati tra rami, anfratti e sporgenze, anche di origine antropica, mentre altri ancora, come per esempio i rondoni che non possono posarsi, semplicemente volano via lontano, dove non piove.

Dove vanno gli uccelli quando diluvia?

In generale, la maggior parte degli uccelli cerca un riparo dalla pioggia per proteggere il suo piumaggio ed evitare di bagnarsi. Fatta eccezione per gli uccelli acquatici, infatti, il piumaggio – fondamentale per l'isolamento termico e soprattutto per volare – non è impermeabile o lo è poco, per cui è fondamentale per un uccello cercare di evitare che si bagni, altrimenti può avere parecchie difficoltà a spiccare il volo.

Per i grossi uccelli acquatici, come gabbiani, aironi, anatre, uccelli marini e tanti altri, talvolta è invece più semplice resistere quando piove, per cui semplicemente se ne stanno sugli scogli, su una spiaggia o su un pontile in attesa che smetta di piovere. In caso di forti tempeste, però, anche loro si sposteranno per per cercare riparo e un luogo più sicuro in cui aspettare la fine del temporale.

Discorso ben diverso è invece quello che occorre fare per i piccoli passeriformi come cince, merli, passeri, pettirossi e tanti altri. Per loro è molto più difficile resistere a una forte pioggia e proprio per questo cercano quasi sempre un riparo sicuro. In base alla specie e all'ambiente in cui si trovano, possono quindi rifugiarsi in una gran varietà di luoghi differenti.

Possono per esempio appollaiarsi sui rami degli alberi o tra le loro chiome, negli arbusti ma anche all'interno di cavità sia naturali che artificiali. Durante la stagione riproduttiva, gli uccelli che nidificano nei buchi possono infatti ripararsi anche nelle cassette nido e nelle cavità naturali per superare una tempesta. Soprattutto in ambiente urbano, poi, molti uccelli possono anche sfruttare tegole, tettoie, soffitte e altre strutture riparate di origine antropica. I pettirossi, per esempio, si rifugiano spesso sotto le grondaie o nei buchi degli alberi, mentre le rondini si radunano sotto i ponti, fienili o nelle gallerie.

Come si riparano gli uccelli dalla pioggia

Immagine

Alcuni uccelli riescono a riconoscere i cambiamenti nella pressione atmosferica, che molto spesso sono il segnale che il tempo sta per cambiare e non in meglio. Se avvertono quindi l'avvicinarsi di una tempesta, si preparano come prima cosa cercando in maniera più intensa il cibo. La maggior parte degli uccelli non vola e non si sposta sotto la pioggia, per cui tentano di accumulare quanta più energia possibile in attesa che passi la tempesta, che può però durare anche giornate intere.

In caso di forte pioggia, gli uccelli che si riparano adottano di solito una postura ben eretta, la testa col collo contratto e in generale una posizione rannicchiata con piumaggio gonfio. Questa posizione permette di risparmiare calore ed energie e riduce inoltre la superficie del corpo esposta alla pioggia, così da bagnarsi il meno possibile. Alcuni uccelli gregari e che vivono in gruppo, possono anche radunarsi tutti insieme per tenersi al caldo.

Caso invece molto particolare è quello dei rondoni, tra i più abili volatori al mondo che riempiono i cieli primaverili ed estivi delle nostre città di acrobazie e versi squillanti. I rondoni, infatti, sono talmente tanto specializzati nel volo che non possono posarsi né a terra né tra i rami. Fatta eccezione per quando si "tuffano" tra le tegole o nelle cavità degli edifici in cui ci sono i loro nidi, fanno quindi tutto in volo: mangiano, sia accoppiano e dormono persino mentre volano.

Quando arrivano forti piogge, quindi, i rondoni – che possono volare a grande velocità e su distanze enormi – semplicemente fuggono via dalla tempesta volando altrove. Possono spostarsi anche per centinaia di chilometri se dovesse servire, per poi fare ritorno a casa non appena la pioggia è cessata. Qualcosa di molto simile fanno per esempio anche i grandi uccelli marini che si trovano a vivere quasi tutta la loro intera vita in mare aperto. Non potentosi posare sul mare in tempesta, scappano quindi via inseguendo condizioni atmosferiche meno turbolente.

Avatar utente
Salvatore Ferraro
Redattore
Naturalista e ornitologo di formazione, sin da bambino, prima ancora di imparare a leggere e scrivere, il mio più grande sogno è sempre stato quello di conoscere tutto sugli animali e il loro comportamento. Col tempo mi sono specializzato nello studio degli uccelli sul campo e, parallelamente, nell'educazione ambientale. Alla base del mio interesse per le scienze naturali, oltre a una profonda e sincera vocazione, c'è la voglia di mettere a disposizione quello che ho imparato, provando a comunicare e a trasmettere i valori in cui credo e per i quali combatto ogni giorno: la conservazione della natura e la salvaguardia del nostro Pianeta e di chiunque vi abiti.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views