29 Marzo 2022
11:07

Arrivate in Italia le prime veterinarie in fuga dall’Ucraina

Sono arrivate in Italia le prime 14 veterinarie scappate dalla guerra in Ucraina con le loro famiglie grazie all'intervento dell'Anmvi.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
346 condivisioni
veterinarie ucraina anmvi

Sono arrivate in Italia le prime veterinarie scappate dall'Ucraina. Le 14 professioniste sono state accolte insieme ai loro familiari grazie all'intervento dell'Anmvi, l'associazione nazionale medici veterinari italiani.

«Ringrazio i colleghi per la generosità – ha dichiarato il presidente dell'Anmvi Marco Melosi – che non si è limitata all’esercizio della professione, ma anche a farsi carico di trovare un alloggio e una sistemazione per i colleghi e i loro familiari. Per comprendere l’emergenza in atto, è importante sapere che ad oggi i colleghi dall’Ucraina accolti da Anmvi sono tutte donne con al seguito figli e familiari».

L'Anmvi, attraverso un contact point umanitario con base in Polonia, ha raccolto le richieste dei veterinari interessati a rifugiarsi in Italia creando così un canale di comunicazione privilegiato e affidabile con i professionisti in fuga, soprattutto donne, le uniche a poter lasciare liberamente il Paese. In Ucraina, infatti, attualmente vige il divieto per gli uomini tra i 18 e i 60 anni a causa della legge marziale.

Contemporaneamente l'associazione si è rivolta ai veterinari italiani con l'invito a segnalare le strutture veterinarie disponibili ad accogliere temporaneamente un collega fornendo sia un alloggio sia la possibilità di esercitare la professione.

La facoltà di esercitare è stata resa possibile grazie all'intervento del Governo italiano che ha agevolato il  riconoscimento della qualifica professionale sanitaria per i medici veterinari arrivati dall'Ucraina. «Al momento – ha chiarito Melosi – non siamo in grado di stimare quanti colleghi verranno temporaneamente a esercitare la professione in Italia, perché molti sono ancora in Ucraina a fornire assistenza agli animali rimasti nel paese». Per questo l’Anmvi aveva risposto già in precedenza all’appello lanciato dall'Usava, la società veterinaria ucraina, aiutando attraverso le donazioni quanti hanno deciso di continuare ad esercitare lì per fare fronte all'emergenza animali causata dalla guerra.

Tra gli animali rimasti in Ucraina ci sono cani e gatti randagi, oppure ospiti dei rifugi, che si sono visti chiudere le porte d'ingresso dell'Italia a seguito della circolare diramata dal Ministero della Salute che ne vieta l'ingresso su tutto il territorio nazionale. Oltre ai domestici, Melosi segnala in aggiunta la presenza nelle zone di conflitto dei selvatici e degli animali che vivono nei giardini zoologici, anche loro «bisognosi di assistenza sanitaria».

Sono molti i problemi incontrati dai rifugi anche dal punto di vista sanitario, come aveva segnalato la direttrice del canile di Kyiv che aveva posto l'accento proprio sulla difficoltà di reperire supporto adeguato sanitario per gli animali. Situazione analoga per gli ospiti dello zoo cittadino: molti dei quali infatti hanno dovuto affrontare un lungo e difficile viaggio verso lo zoo di Poznań, in Polonia.

Giornalista per formazione e attivista per indole. Lavoro da sempre nella comunicazione digitale con incursioni nel mondo della carta stampata, dove mi sono occupata regolarmente di salute ambientale e innovazione. Leggo molto, possibilmente all’aria aperta, e appena posso mi cimento in percorsi di trekking nella natura. Nella filosofia di Kodami ho ritrovato i miei valori e un approccio consapevole ma agile ai problemi del mondo.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views