napoli botti

Botti vietati anche a Napoli: è la decisione dell'ultimo minuto del sindaco Gaetano Manfredi. I fuochi d'artificio saranno vietati su tutto il territorio comunale dalle 16 del 31 dicembre 2021 alle 24 del primo gennaio 2022.

«Evitiamo di usare botti pericolosi e facciamolo per salvaguardare la salute nostra e dei nostri amici animali che vivono con noi», ha detto il Primo cittadino con un videomessaggio di auguri ai cittadini in cui ha spiegato il divieto, confermato poi in una successiva ordinanza diffusa la sera del 30 dicembre. Napoli si aggiunge così ai tanti Comuni che hanno già vietato i botti di Capodanno.

L'ordinanza firmata da Manfredi rappresenta un precedente importante nella storia del Comune di Napoli. Non era mai accaduto, infatti, che un sindaco vietasse totalmente l'utilizzo dei fuochi d'artificio la sera di Capodanno.

Nel 2021 l'ex sindaco Luigi de Magistris, scelse di non fare il consueto spettacolo pirotecnico al Castel dell'Ovo, per ragioni soprattutto legate all'emergenza Covid. Non vietò però ai cittadini di "sparare", invitandoli semplicemente ad «agire con sobrietà». Un appello rimasto inascoltato.

Oggi invece Manfredi non solo dice no ai botti con un provvedimento ufficiale e sanzioni fino a 500 euro, ma tra le ragioni che hanno spinto a promulgarlo figura anche la volontà di proteggere gli animali a Capodanno: «Le esperienze concretamente registrate negli anni passati nella città di Napoli e le testimonianze di stampa e televisione hanno evidenziato le conseguenze legate all’utilizzo, al di fuori di ogni cautela, di artifici esplodenti, nonché i danni provocati a persone, animali e cose», si legge nell'ordinanza.

Il Sindaco spera così salvaguardare cani e gatti, ed evitare che finiscano nella trincea di Capodanno: i botti rappresentano infatti un momento di fortissimo disagio per i 63milioni di animali d'affezione presenti nelle case degli italiani. Una situazione, potenzialmente mortale, che Kodami ha voluto raccontare con un video dal forte impatto emotivo realizzato da Aniello Ferrone, video production coordinator di Ciaopeople, e dal suo team.

È la seconda volta che Kodami si fa portavoce di questa emergenza vissuta dagli animali domestici, ma anche dalla fauna selvatica. Già l'anno scorso, infatti, un messaggio analogo è stato lanciato grazie al video realizzato dal direttore creativo di Ciaopeople, Luca Iavarone, "Gli effetti dei botti sugli animali", premiato ai Lovie Awards, il più prestigioso riconoscimento europeo per l’eccellenza online.

 

Anche il Comune di Napoli ha scelto di realizzare una campagna video di sensibilizzazione contro i fuochi d'artificio pochi giorni prima dell'introduzione del divieto, alla quale hanno preso parte popolari personaggi dello sport e dello spettacolo, tra cui l'attore Patrizio Rispo, l'ex pugile Patrizio Oliva e l'ex calciatore Guglielmo Stendardo.

Saranno sufficienti un video e un'ordinanza firmata la sera del 30 dicembre, un po' come è successo anche a Roma, per evitare che Napoli si trasformi nuovamente in una "zona di guerra" a Capodanno? Probabilmente no e sebbene sia lodevole che finalmente un Sindaco abbia provveduto a vietarli in una città in cui i botti sono considerati "caratteristici" ci si augura che il prossimo anno si provveda molto prima a vietarli, in modo tale da fermare le vendite e gli acquisti ben prima della notte di festeggiamenti.