Amadeu Campos Silva era considerato un astro nascente delle competizioni di "Bull riders" che si svolgono negli Stati Uniti. E' morto all'età di 23 anni mentre partecipava alla tappa che si è svolta al Save Mart Center di Fresno, in California, del Velocity tour.

Campos Silva, brasiliano, stava montando da 5,3 secondi  "Classic Man"- questo il nome dell'animale – quando il suo sperone è rimasto impigliato nella cinghia laterale che viene usata dai bull rider per spronare l'animale durante la performance. L'uomo così è stato trascinato dalla corda che bloccava la sua gamba sotto al toro che lo ha di conseguenza calpestato. Portato subito all'ospedale locale, il Community Regional Medical Center, per lui non c'è stato più nulla da fare.

Andrew Giangola, portavoce di Professional Bull Riders, ha dichiarato all'Associated Press che al toro non sarà fatto nulla e che continuerà a essere ammesso agli eventi futuri nonostante la tragedia. «Chiaramente non è stato un atto di aggressione – ha detto – Il toro stava "sgroppando" nel suo schema normale».

La morte di Campos Silva ha sconvolto la comunità di professionisti e anche l'opinione pubblica. La notizia è su molti media Usa e un suo ricordo e ritratto campeggia sul sito ufficiale dei Professional Bull Riders e anche in pagine Facebook amatoriali di appassionati.

Il Bull Riding è una delle "discipline" che rientrano nei cosiddetti sport da rodeo che in Usa sono ancora molto comuni. Il "cow boy" brasiliano aveva gareggiato nelle finali mondiali di "Professional Bull Riders" del 2020 dopo aver debuttato negli Stati Uniti l'anno prima.

Gli animalisti americani da anni combattono perché i rodei abbiano fine. Nel 2017 un'associazione presentò un report in cui si mostravano le torture inflitte agli animali in questo tipo di competizioni. Shark (Showing Animals Respect &Kindness) in particolare si riferiva al Cheyenne Frontier Days Rodeo che si svolge in Wyoming e in cui si pratica l'accalappiamento con la corda dei vitellini. Secondo quanto ricostruito dagli attivisti molti vitellini subiscono durante questi eventi una morte terribile, con il collo che viene spezzato a fronte dello spettacolo mentre i soggetti adulti sono sottoposti a scariche elettriche e altre vessazioni.