26 Aprile 2022
11:54

Satriano, revocati i domiciliari al pastore. L’associazione: «Non rinunceremo all’adozione dei cani»

Il Tribunale del Riesame ha revocato i domiciliari a Pietro Rossomanno, il pastore 45enne a cui è riferibile il gruppo di cani di Satriano che ferirono a morte la ventenne Simona Cavallaro. Oggi la vicenda processuale prosegue ma i cani continuano a restare in un limbo.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
330 condivisioni
I cani di Satriano (foto esclusiva di Kodami)
I cani di Satriano (foto esclusiva di Kodami)

Il Tribunale del Riesame ha revocato i domiciliari a Pietro Rossomanno, il pastore 45enne a cui è riferibile il gregge sul quale stavano vegliando i cani che a Satriano, provincia di Catanzaro, hanno ferito a morte la ventenne Simona Cavallaro.

Il giudice ha così accolto l’istanza avanzata dal legale di Rossomanno, revocando gli arresti domiciliari e predisponendo per l'indagato il divieto di dimora nel Comune di residenza e conseguente obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.

Nulla però è mutato per i 13 cani di Satriano. Questi, pur non essendo sottoposti a sequestro giudiziario sono ancora considerati di interesse investigativo e per questo destinati a restare nel canile Pet Service di Soverato, in provincia di Crotone. Un limbo che potrebbe durare almeno fino al termine del processo.

Gli animali, infatti, sono stati intestati a Rossomanno poco dopo la loro cattura, ma è il Comune di Satriano a farsi carico del loro mantenimento presso il canile, avendo rifiutato il pastore ogni legame con gli animali.

Una situazione che complica di molto le procedure per le adozioni e che Kodami ha raccontato nella video inchiesta "Satriano, analisi di una tragedia".

Dopo la diffusione della video inchiesta sono arrivate le prime richieste di adozione per i cani, tuttavia, da allora nulla è cambiato.

Kodami ha quindi raggiunto una delle associazioni che nell'autunno del 2021 si era fatta avanti per adottare 2 dei 13 cani di Satriano, la Federazione Italiana Appennini (FIA), la quale in una lettera inviata al canile Pet Service aveva spiegato :«Nel servizio di Kodami che gira sui social abbiamo appreso la notizia che i cani non sono sotto sequestro giudiziario e che quindi possono essere reclamati».

«Abbiamo dovuto rimandare momentaneamente le procedure per l'adozione – spiega a Kodami Teresa Marranghello, presidente di FIA – ma in questi giorni presenteremo al magistrato e al Comune una formale richiesta per adottare Nathan e Astrid. Andremo a conoscerli personalmente e abbiamo già intenzione di intraprendere con loro un percorso».

Il piccolo Nathan (foto esclusiva di Kodami)
Il piccolo Nathan (foto esclusiva di Kodami)

«Ci sono stati dei ritardi ma da parte nostra ma non c'è alcun motivo per rinunciare alla loro adozione – sottolinea Marranghello – inizieremo conoscendo Nathan e Astrid e speriamo di accoglierli al più presto».

I cani più giovani (foto esclusiva Kodami)
Astrid (foto esclusiva di Kodami)

Il pastore era stato arrestato e posto ai domiciliari all'inizio di aprile con l’accusa di omicidio colposo per i reati di omicidio colposo, introduzione e abbandono di animali in fondo altruiinvasione di terreni e pascolo abusivo.

L'uomo, secondo l'ipotesi della Procura di Catanzaro titolare del fascicolo, sarebbe stato negligente nella gestione dei cani a guardia del suo gregge, lasciati soli nella Pineta di Montefiorino, un terreno di pertinenza del Comune, provocando così la morte della giovane.

Il 26 agosto 2021 Simona Cavallaro si trovava nella pineta di Satriano con un amico per progettare una gita domenicale nell'area picnic. Qui però i due amici sono stati raggiunti da un primo gruppo di cani da pastore riferibili a Rossomanno. Simona e il suo amico si sono rifugiati all’interno di una chiesetta in legno all'interno della pineta cercando di richiamare l'attenzione del pastore, poco dopo però Simona è uscita, probabilmente diretta alla macchina, alla quale, purtroppo, non è mai arrivata.

Giornalista per formazione e attivista per indole. Lavoro da sempre nella comunicazione digitale con incursioni nel mondo della carta stampata, dove mi sono occupata regolarmente di salute ambientale e innovazione. Leggo molto, possibilmente all’aria aperta, e appena posso mi cimento in percorsi di trekking nella natura. Nella filosofia di Kodami ho ritrovato i miei valori e un approccio consapevole ma agile ai problemi del mondo.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social