gatto sequestro modena
in foto: Uno dei gatti salvati nell’appartamento di Modena

Ancora un caso di animali domestici abbandonati a loro stessi in un appartamento, questa volta a Modena, dove i volontari della sezione locale dell’Oipa hanno soccorso tre gatti praticamente in fin di vita e raccolto il cadavere di un altro che non è invece sopravvissuto.

L’intervento dei volontari è scattato dopo che una residente della palazzina in cui sono stati trovati gli animali ha recuperato dalla strada una gatta risultata poi caduta dal balcone di un appartamento soprastante. La donna, preoccupata nel non vedere più traccia di umani nell’abitazione ma certa che all’interno fossero presenti altri gatti, ha chiesto aiuto all’Oipa. I volontari sono quindi arrivati alla palazzina decisi a fare chiarezza.

«Dall’esterno dell’appartamento arrivava un odore mefitico e da sotto la porta uscivano fino al pianerottolo urine e feci dei poveri gatti – ha raccontato Sara Ferrarini, coordinatrice delle guardie zoofile dell’Oipa di Modena – L’appartamento era apparentemente vuoto e, a detta dei residenti della palazzina, la proprietaria degli animali non vi risiedeva da almeno due mesi e vi si recava sporadicamente, non più di una volta la settimana. Dal balcone sottostante abbiamo notato che erano presenti gatti che si sporgevano sul terrazzo».

A quel punto non è rimasto altro da fare che contattare il pubblico ministero di turno per spiegare la situazione e ottenere l’autorizzazione a entrare nell’appartamento con il supporto dei Vigili del Fuoco. Una volta all’interno lo scenario è apparso ancora più drammatico di quanto immaginato: tra cumuli di sporcizia, urina e feci si aggiravano tre gatti magrissimi e sofferenti, in un angolo il corpo di un quarto morto da tempo. Le verifiche avviate hanno confermato che l’abitazione era disabitata ormai da tempo, e la donna che vi risulta residente, ancora irreperibile anche per il Comune di Modena, è ora indagata per maltrattamento animale ai sensi dell’articolo 544 ter del Codice penale.

I gatti sono stati presi in consegna dei volontari e trasferiti in rifugio in attesa di ristabilirsi completamente, in modo da poter poi procedere con l’adozione. Oipa ha colto anche l’occasione per invitare le persone a segnalare casi di maltrattamento, in modo da poter intervenire in tempo ed evitare che gli animali possano perdere la vita: «Per segnalazioni di maltrattamento e per ulteriori informazioni si può contattare il Nucleo di guardie zoofile di Modena al numero 349 7706639, anche lasciando un messaggio su WhatsApp, o scrivere all’email guardiemodena@oipa.org».