«Oggi abbiamo perso una persona straordinaria, Paola Pistis era un Angelo sceso in terra per aiutare i cani e gatti bisognosi… Siamo tristi e affranti, a volte la vita è davvero ingiusta, ma siamo sicuri che Paola continuerà a fare del Bene da lassù, proteggendo le persone e gli animali a cui voleva un bene immenso. Ci vediamo dall’altra parte… gli animali del Cielo saranno felicissimi di vederti arrivare… un po’ meno quelli rimasti sulla Terra……. le lacrime non smettono di scendere».

Questo di Silvia Marrocu del rifugio Famiglia Amico Mio ODV, è solo uno dei tantissimi messaggi di affetto ricevuti da Paola Pistis animalista e dog sitter di Pirri, quartiere di Cagliari, morta prematuramente per un male incurabile.

«Non ricordo neanche più da quanti anni lavoravamo insieme. Era una persona rara da trovare, positiva, solare, sempre pronta ad aiutare il prossimo, a dare tutto per gli altri – racconta Silvia a Kodami – Perché non amava solo gli animali, ma amava tutti. Era sempre disponibile, non diceva mai no se qualcuno le chiedeva aiuto. Era la pet mate di 4 cagnetti che portava sempre con sé insieme a un carrellino che serviva quando accudiva qualche cane paralizzato. Era cordiale e cercava sempre di dare un buon consiglio a chiunque possedesse un animale».

Paola Pistis era diventata ormai un’icona della cittadina: faceva assistenza, asilo e portava in passeggiata i cani di chiunque glielo chiedesse. Faceva anche pensione a casa e tra gli ospiti non aveva problemi ad accogliere qualunque tipo di animale, non solo cani e gatti.

«Non so quanti animali abbiamo salvato insieme. Il nostro rifugio non è grande, ma qui in Sardegna il fenomeno del randagismo è fortissimo e ci sono momenti in cui il rifugio si riempie. Adesso sono 35 ma quando ho conosciuto Paola erano più di 60. Ma nelle situazioni difficili era proprio lei l’angelo in aiuto che si prendeva a casa chi non riuscivamo ad accogliere, anche cani e gatti anziani, magari trovati in condizioni disumane, non faceva differenza alcuna per lei. Si prendeva cura di tutti, anche di quelli con difficoltà motorie o paralizzati. Li portava sul suo carrellino a passeggiare. Ormai era il referente di Cagliari: chi trovava qualche animale chiamava Paola e lei, fosse giorno o notte, freddo o caldo, partiva con la sua bici per andare a salvarlo. Ci mancherà tanto».

La bacheca dell’associazione che ha dato la notizia si è riempita di messaggi di cordoglio che mostrano quanto questa donna fosse davvero benvoluta da tutto il paese. «Non ci posso credere, sono sconvolta – scrive Alessandra – Avrai certamente un coro di code festanti ad accoglierti con quell’amore che hai dato loro durante la tua vita sulla terra! Le mie più sentite condoglianze a tutta la famiglia, un abbraccio forte forte».

Ma c’è anche chi ricorda qualche esperienza trascorsa con lei. Scrive Gabriella Putzulo: «È un triste momento, Spillo ti sarà grato per sempre e resterai sempre nei nostri cuori. Buon viaggio Tata Paola», postando anche la foto di Spillo.

O Maria Grazia: «A casa sua incontrai per la prima volta il mio Rex! Una donna di una generosità veramente difficile da trovare per non dire impossibile! Riposa in pace, Paola».