Provate a fare un gioco: una lista di dieci cose che vi caratterizzano come "felici compagni umani di un cane", ovvero che fanno comprendere subito che vivete insieme a un amico a quattro zampe. Ecco quelle che a noi in redazione sono venute in mente ma siamo certi che l'elenco sia molto, molto più lungo. Pronti, allora, ad aggiungere i vostri suggerimenti? Mandateli attraverso la nostra pagina Facebook e proviamo insieme a mettere insieme quello che… siamo insieme al nostro cane!

  1. Ti senti osservato in ogni movimento che fai. "Ogni" vuol dire anche solo se respiri.
  2. Aprire un pacco di patatine o scartare il pacchetto della farmacia non conta: lui o lei arriverà subito per vedere se c'è qualcosa di interessante. Ovvero appetibile.
  3. "Andiamo", "pappa", "bravo/brava!", "basta!". Queste parole e altre,  contestualizzate, vi faranno finire in un vortice di emozioni: le sue.
  4. "Andiamo", "pappa", "bravo/brava!", "basta!". Queste parole e altre, decontestualizzate, vi faranno comunque finire in un vortice di emozioni: sempre le sue.
  5. Uscire di casa vuol dire farlo almeno due volte la mattina, da soli per andare al lavoro ma prima necessariamente in compagnia. Poi, ancora, di nuovo il pomeriggio e ogni sera. Rientrare a casa vuol dire farlo molte, molte volte al giorno. Tutto il resto è un vago ricordo della vita prima della vita condivisa con lei o con lui.
  6. Fare la spesa dal macellaio e non dover nemmeno più dirgli cosa serve. E lui preparerà il macinato più prezioso del mondo perché sa che non c'è da precisare nemmeno più per chi è.
  7. L'abbigliamento sotto al pelo che ti ricopre non si sa quale sia, qualsiasi sia il look che tu pensi di indossare.
  8. "E' maschiooooo?", "E' femminaaaaa?" sono le domande che più spesso ti sono state fatte girando nel quartiere fin quando un giorno non le hai più sentite… perché ormai tutti gli scontri e incontri che dovevate affrontare sono già avvenuti.
  9. Sul letto non salirà mai e ogni mattina ti svegli con le sue zampe, bene che vada, direttamente sulla tua faccia.
  10. Gli parli. Non negarlo. E sei certo che ti ascolti.