Sorge sulla Senna, a Nord-Ovest di Parigi, il primo cimitero per animali del mondo. È ad Asnières-sur Seine e venne fondato nel 1899. Lì è sepolto Rin Tin Tin, il famoso cane della serie Tv. Ma insieme a lui (e agli animali domestici di persone del calibro di Alexandre Dumas e Camille Saint-Saëns) ci sono altri cani, gatti, vitelli, maiali, galline e una scimmia. Il record del primo al mondo lo contende al cimitero per animali di Hyde Park, a Londra, che informalmente venne fondato nel 1881 seppellendo un cane maltese, Cherry. Negli Usa, lo storico cimitero degli animali è ad Hartsdale, a New York: venne fondato nel 1896.

Il numero dei cimiteri per animali in Italia sta aumentando anno dopo anno, per fortuna: sono tante le persone che in passato si sono trovate in difficoltà quando hanno dovuto affrontare il momento più brutto della fine della vita condivisa con un animale domestico. Un tempo non c'era un sostegno da un punto di vista pratico, mancava la cultura sociale che per fortuna ora è molto diffusa anche nel nostro Paese dell'importanza di un cane o di un gatto, ma anche di altri animali d'affezione nell'ambito familiare. Sono diverse le strutture che si sono attrezzate per venire incontro a un'esigenza che tanti italiani hanno dovuto affrontare o affronteranno.

Il cimitero per animali più antico in Italia è a Roma. Per i lettori di Kodami abbiamo voluto realizzare una mappatura per dare indicazioni immediate da trovare e proprio a sostegno, almeno nella ricerca sul Web, alle persone che sappiamo bene quanto soffrano quando l'irreparabile accade. Ecco i principali cimiteri per animali domestici a cui ci si può rivolgere, Regione per Regione, da Nord a Sud.

Piemonte

A Cuorgnè (Torino) c'è "Il Giardino delle rose". Nel 2009 nasce a Frassino (Cuneo) il cimitero per animali, in memoria di un cane, Rocky, la cui statua è oggi a guardare le altre salme.

Veneto

A Padova gli animali domestici riposano nel cimitero "Argo, Amici per sempre". E' Z.Orme, invece, quello di Verona.

Friuli-Venezia Giulia

A Cassacco, in Provincia di Udine, c'è Il Giardino dei ricordi.

Lombardia

A Milano il Fido Custode è stato inaugurato nel 2015. Si trova nel Parco Sud della città. A Vigevano, dal 1976, c'è il "Club Caronte".

Liguria

Nel savonese, a Roccavignale, c'è il cimitero degli animali "Al di là dell'arco iris"

Emilia-Romagna

Raccoglie gli animali domestici di Bologna, Modena e Ferrara “Angeli a 4 zampe”. A gestirlo, a Castello d’Argile, sono Sandro e Maddalena. La sua fondazione risale al 2013. A Lugo, in Romagna, c’è invece il “Parco Beato”. A Bellaria Igea Marina (Rimini), c'è invece il "Fedele riposo".

Toscana

Immerso nella Maremma, a Gavorrano, c'è Dignipet. A Nord della Regione, a Prato, gli animali da compagnia riposano nel cimitero "I cipressini"

Lazio

A Roma c’è Casa Rosa. Si trova a via dell’Imbrecciato e nasce ormai un secolo fa, su idea del veterinario della famiglia Mussolini, Antonio Molon. Lo stesso duce chiese di seppellire la sua gallina. Era il 1923. Qui si trovano anche i cani della casa reale e degli ex presidenti della Repubblica Sandro Pertini e Giovanni Leone.

Abruzzo

A Manoppello (Pescara) è aperta la "Valle degli affetti", inaugurata ad agosto 2008.

Campania

Si chiama "Il riposo di Snoopy" uno dei cimiteri per animali della Campania. E' a Qualiano, in Provincia di Napoli: 10.000 metri quadrati con un prato all'inglese. Un cimitero per animali è anche a Maddaloni, nel casertano.

Puglia

In Capitanata, a Foggia, c'è il Parco dei ricordi. E' in un'area verde vicino al bosco del Santuario dell’Incoronata. In Provincia di Bari, ad Acquaviva delle Fonti, c'è il cimitero "I due trulli".

Calabria

Il primo cimitero per animali della Regione è "Il Giardino di Artemide". Si trova a Reggio Calabria.

Sardegna

Nel 2009 nasce a Cagliari Il Giardino di legna. Il primo animale che è stato sepolto è stata una cagnetta. Legna, appunto. "La cuccia", invece, si trova a Sassari. Nasce dopo la morte di un cane, Cesare, e per volontà dei proprietari che volevano mantenerne vivo il ricordo.

Vandali al cimitero per animali di Alessandria: lapidi distrutte e muri imbrattati

Cosa bisogna fare in caso di morte di un animale domestico

E' il veterinario a provvedere alla stesura del certificato di morte. Nel caso di un cane il documento va presentato alla Asl entro due giorni dal decesso. Se l'animale non è morto per una malattia infettiva può essere sepolto nel proprio giardino (in una buca che non permetta ad altri animali di poter scavare talmente tanto da disseppellirlo) o nei cimiteri dedicati, pubblici o privati che siano. E' possibile anche cremarne la salma grazie a società dedicate. In caso di una morte per infezione, invece, va sepolto in aree specifiche dei cimiteri per animali o consegnato, o dal proprietario o dal veterinario, alle ditte che si occupano della cremazione.