20 Aprile 2023
12:30

Il divertimento nella Natura è assicurato, se c’è prevenzione

Con l’aumento delle temperature, si sa, bisogna affrontare anche un maggior numero di parassiti presenti nell’ambiente. Nell’intento di trascorrere momenti davvero rilassanti tra i boschi, in campagna o al mare insieme ai nostri animali domestici, dobbiamo quindi occuparci di proteggerli dai rischi invisibili rappresentati da zecche, pulci, flebotomi e zanzare: parassiti che si nascondono proprio dove andiamo a cercare la serenità, e che potrebbero rovinare i nostri (ma anche i loro) momenti felici.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
Immagine

Chiunque condivida la propria vita con un cane, conosce bene la gioia data dalla fine dell’inverno: le giornate si allungano e finalmente possiamo intraprendere insieme ai nostri animali numerose attività all’aria aperta. Le temperature si alzano, si ricomincia ad andare in montagna, nei boschi, in campagna o al mare.

Alla fine del percorso, stanchi e felici, arriva il momento della merenda: si stende un telo sull’erba e ci si riposa insieme, gustando il vento e il sole.

Questi momenti magici, però, nascondono anche alcuni rischi. Con la bella stagione, infatti, aumenta anche la presenza di parassiti come zecche, pulci, zanzare e flebotomi che, nonostante le piccole dimensioni, rappresentano una minaccia per la salute degli animali domestici e anche dell’uomo. Le malattie trasmesse da questi vettori sono zoonosi.

A causa della presenza dei parassiti, alcuni pet mate arrivano addirittura ad evitare di coinvolgere i propri animali domestici in avventure ed esperienze all’aperto, preferendo lasciarli a casa.

Scelte così drastiche, però, non sono necessarie, se si decide di affidarsi ad una gamma di antiparassitari che, grazie alla loro capacità di repellenza, siano in grado di tutelare la salute dei nostri animali e le giornate soleggiate trascorse insieme.

Immagine

Chi sono i parassiti dell’estate

Prima di tutto tra i parassiti è bene elencare le pulci, che sono in realtà parassiti ambientali. Questi animali, infatti, nella loro fase adulta, trascorrono sul corpo dell’ospite solo il tempo necessario per nutrirsi, ma per la maggior parte del ciclo biologico si disperdono nell’ambiente e, quindi, nelle nostre case, rendendo più difficile un’eliminazione completa.

Le zecche, invece, possono trasmettere ai cani numerose malattie anche molto gravi, come la Babesiosi, la Ricketziosi, la Malattia di Lyme o la Febbre Q.

Vi sono poi le Zanzare e i pappataci (anche noti con il nome di flebotomi), che sono detti parassiti temporanei, perché trascorrono sul corpo dell’ospite solo il tempo necessario per nutrirsi. La loro presenza aumenta in primavera e in estate e anche noi umani conosciamo bene le conseguenze delle loro fastidiose punture.

Questi insetti, però, non procurano solo pruriti, ma possono risultare veicoli per malattie come la Leishmaniosi e la Filariosi, capaci di compromettere la qualità della vita degli animali che vivono con noi e, in alcuni casi, rivelarsi mortali.

La Leishmaniosi, in particolare, viene considerato un problema di sanità pubblica che non riguarda solo i nostri animali, ma anche la salute degli esseri umani.

Scegliere, insieme al proprio medico veterinario di riferimento, di affidarsi a una gamma di antiparassitari realmente efficace, quindi, è una scelta importante nei confronti degli animali domestici, delle loro famiglie e di chiunque entri in contatto con loro.

Che soluzioni repellenti utilizzare: il collare antiparassitario e le pipette

Per proteggere i propri animali da questi pericoli in maniera efficace si possono prendere in considerazione due soluzioni innovative, pensate proprio per essere in grado di svolgere un’efficace attività repellente e intervenire in maniera preventiva.

Il collare antiparassitario Prevendog, ad esempio, è pensato appositamente per i cani ed è indicato per le infestazioni di parassiti sensibili alla deltametrina.

Prevendog agisce grazie al rilascio continuo del principio attivo, completamente inodore, che si distribuisce su tutto il corpo del cane e offre un effetto di repellenza di lunga durata pari a 6 mesi contro zecche e zanzare, e 12 mesi contro i flebotomi, vettori di Leishmaniosi. È Disponibile in tre diverse taglie e in confezioni da uno o due collari ed è dotato di un sistema anti-strangolamento che ne consente l'apertura in caso di necessità.

La seconda soluzione, invece è in forma liquida e si chiama Effitix. L’antiparassitario in questo caso è contenuto all’interno di apposite pipette dotate di sistema ferma goccia, che permette, in caso l'animale sia particolarmente agitato, di interrompere l'applicazione del prodotto e, quindi, di ridurre gli sprechi. Effitix è caratterizzato, inoltre, da un'azione repellente chiamata anti-feeding, che scoraggia i parassiti a pungere.

Immagine

L’applicazione va effettuata sulla pelle dell’animale, prestando attenzione a posizionare la pipetta direttamente sulla cute, spostando il pelo prima di premere per fare fuoriuscire il liquido.

È importante depositare il prodotto in aree dove il cane non riesce a leccarsi, preferibilmente sulla schiena e sul dorso del collo; il contenuto della pipetta va distribuito in due o quattro punti, a seconda delle dimensioni del pet.

Tra i vantaggi legati all'utilizzo di Effitix, vi è anche la possibilità di eliminare i parassiti già presenti sull'animale prima del trattamento: il prodotto, infatti, è in grado di uccidere le pulci entro 24 ore dal trattamento; la stessa azione è esercitata anche nei confronti delle zecche, che possono essere eliminate entro 48 ore dall'applicazione.

Questo metodo, infine, rappresenta anche un’efficace strategia di repellenza contro flebotomi e zanzare per una durata complessiva di 4 settimane, dando così a tutta la famiglia la possibilità di tornare ad apprezzare la natura, senza doversi preoccupare eccessivamente dei parassiti.

Contenuto pubblicitario a cura di Ciaopeople Studios.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social