Abbandonati dentro una scatola chiusa con lo scotch. Sei cuccioli sono stati salvati dalle guardie zoofile della Protezione animali Liguria (Pali)  vicino al cimitero Montesignano di Genova. I cagnolini, quando hanno sentito avvicinarsi dei passi, si sono agitati nel box di cartone facendo sì che fosse visibile alle guardie in pattugliamento.

«Erano disidratati  e visibilmente denutriti», raccontano il dirigente Pali Cesare Giampaolo e la guardia zoofila Laura Barberi. «La prima preoccupazione è stata dargli da bere e rifocillarli con piccoli bocconi in attesa dell'ambulanza».  La Croce Gialla soccorso animali è arrivata sul posto, nel quartiere di San'Eusebio, per prenderli in carico e portarli al canile municipale Monte Contessa, dove saranno visitati dal veterinario. «Tre sono più piccoli degli altri – dicono le guardie – il che fa supporre che si tratti di due cucciolate ravvicinate dello stesso allevamento casalingo irregolare».

Purtroppo nel periodo estivo gli abbandoni aumentano ma anche l'impegno degli animalisti che alzano l'asticella sui controlli: «Abbiamo intensificato le perlustrazioni, soprattutto dove chi abbandona gli animali pensa di non essere visto – spiega il dirigente Giampaolo – Dove non ci sono telecamere, nelle strade meno frequentate, vicino a luoghi abbandonati o in disuso, l'attenzione è altissima su tutto il territorio».

Kodami il primo giorno d'estate, lo scorso 21 giugno, ha lanciato una campagna di sensibilizzazione, informativa e comunicativa, chiamata Vacanza bestiale, contro la piaga degli abbandoni estivi. In un’Italia in cui ancora i dati raccontano che «le punte massime di animali abbandonati si registrano nel periodo estivo (25-30%), quando la partenza per le vacanze pone il problema della presenza di un quattrozampe».

Cane abbandonato: come comportarsi e chi chiamare