Niente più botticelle a spasso per Roma nelle torride giornate estive in cui le temperature superano i 25 gradi. È quanto ha stabilito la sindaca Virginia Raggi con un’ordinanza firmata il 2 luglio, che vieta di impiegare cavalli per il traino delle tradizionali carrozzelle romane nelle giornate con livello di allerta 3 per caldo, quelle più a rischio.

Cosa dice l’ordinanza sulle botticelle

L’ordinanza 116, nello specifico, vieta «la circolazione dei veicoli a trazione animale in presenza di ondate di calore di particolare intensità con un livello di rischio 3 del bollettino del Sistema Nazionale di Sorveglianza, previsione e di allarme per la prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla salute della popolazione diramato dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile».  In queste giornate, quando le condizioni a elevato rischio persistono per tre o più giorni consecutivi, le attività saranno consentire solo dalle 18 a condizione che la temperatura ambientale sia comunque inferiore ai 25 gradi centigradi. «Alla base del provvedimento – spiegano da Roma Capitale – c’è l’esigenza di tutelare maggiormente i cavalli impiegati in attività di trazione di vetture pubbliche o private e di quelli impiegati in attività ludiche e sportive, e di prevenire potenziali danni alla salute degli animali. Previsto anche l’obbligo di ricoverarli, subito dopo le attività, in ambienti freschi e areati, e di garantire la movimentazione degli animali durante il blocco della circolazione».

Botticelle, il braccio di ferro tra ricorsi e sospensive

L’ordinanza è immediatamente esecutiva e valida fino al 30 settembre, e arriva dopo un lungo braccio di ferro tra vetturini, Roma Capitale e associazioni animaliste culminato lo scorso 18 giugno, quando il Consiglio di Stato ha accolto le richieste dei primi e ha sospeso il regolamento (già bocciato dal Tar) con cui l’Assemblea capitolina spostava le botticelle nei parchi e nelle ville storiche.  Con una sospensiva, dunque, le carrozzelle trainate dai cavalli erano tornate in strada. Le associazioni animaliste avevano immediatamente chiesto alla sindaca Raggi un’ordinanza, ricordando che l’unica tutela per gli animali era il blocco stabilito con il reggimento del 2005, che prevede lo stop delle botticelle dalle 13 alle 17 dal primo giugno al 15 settembre.

«Avevamo già rivisto i cavalli in piazza di Spagna e a Fontana di Trevi – è il commento di Oipa nel venire a conoscenza dell’ordinanza – Ora i vetturini non potranno far lavorare i cavalli nelle giornate di massimo rischio per il caldo, potranno uscire soltanto dopo le 18 se la temperatura sarà inferiore ai 25 gradi. Durante i periodi vietati, in caso di avvistamento di cavalli al lavoro, avvisare immediatamente la Polizia di Roma Capitale al 0667691».