6 Settembre 2023
17:30

Amarena cittadina onoraria di Villalago, il Sindaco: «Ci costituiremo parte civile al processo»

Secondo il sindaco Fernando Gatta nessuno a Villalago avrebbe mai ucciso Amarena: «Non era temuta, era rispettata e considerata una di noi». A luglio di quest'anno la comunità le aveva dato il titolo di cittadina onoraria.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
524 condivisioni
orso marsicano

«L'orsa Amarena era diventata un simbolo del nostro paese, ha veicolato l'immagine di Villalago come non era mai accaduto prima ed era considerata da tutti noi una cittadina a tutti gli effetti». Così il sindaco di Villalago, Fernando Gatta, parlando con Kodami ricorda l'orsa marsicana Amarena.

«Quando  inizierà il processo ci costituiremo parte civile. È stata una tragedia inspiegabile e dobbiamo ancora metabolizzarla, non pensavamo succedesse quello che poi è successo», è l'amara considerazione del Primo Cittadino che a luglio di quest'anno ha dato all'orsa marsicana, attraverso una delibera di giunta, la cittadinanza onoraria.

Nel documento si legge che la decisione è stata assunta in continuità con la riforma costituzionale che ha inserito fra i diritti fondamentali la tutela dell'ambiente e degli animali, in quanto il plantigrado era diventato «Simbolo dell'unicità del nostro Abruzo nel Mondo […], Simbolo della Natura e della possibilità che la medesima possa essere Casa Comune nel rispetto dei diversi habitat. Patrimonio indiscusso dell'umanità e bene comune da tutelare».

Questo in considerazione del valore faunistico ma anche economico che l'orsa aveva sul territorio: «Per noi è un danno d'immagine, grazie a lei abbiamo avuto grande pubblicità e ha rappresentato una cassa di risonanza fondamentale per la nostra comunità», spiega Gatta.

Dopo la morte avvenuta per un colpo di fucile nella notte tra il 31 agosto e il primo settembre però tutto è cambiato, conferma il Sindaco: «Quello che è successo ci ha sconcertati. Questa vicenda che ha cambiato un po' di storie».

Per questo Gatta ha una certezza: «Un episodio del genere non si sarebbe mai verificato a Villalago. Amarena non era temuta e anche quando veniva avvistata nei giardini nessuno usciva o si avvicinava a lei. Abbiamo fatto lavoro di sensibilizzazione notevole, e i cittadini sapevano che dovevano chiamarci per avvisarci. Abbiamo speso tante energie per la sicurezza dei cittadini e anche per la sua libertà. Volevamo fare capire la filosofia che sta dietro alla tutela di questi animali».

Giornalista per formazione e attivista per indole. Lavoro da sempre nella comunicazione digitale con incursioni nel mondo della carta stampata, dove mi sono occupata regolarmente di salute ambientale e innovazione. Leggo molto, possibilmente all’aria aperta, e appena posso mi cimento in percorsi di trekking nella natura. Nella filosofia di Kodami ho ritrovato i miei valori e un approccio consapevole ma agile ai problemi del mondo.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views