Non si è data per vinta durante il lockdown e ha studiato a distanza tra le sue caprette, in Val di Sole. Oggi la sua tenacia, la sua forza, la sua caparbietà, il suo modo di vedere la sostenibilità ambientale, è arrivata in Vaticano.

Papa Francesco questa mattina ha incontrato la piccola Fiammetta Melis. Era accompagnata dal papà Massimiliano. La sua storia era stata al centro delle cronache e Claudia Negrisolo della redazione di Kodami era andata a trovarla: Fiammetta è stata esempio di un nuovo rapporto di vita con la natura.

La bimba, 10 anni, aveva scritto i primi di ottobre direttamente al Pontefice, raccontando quanto potesse essere bello studiare all’aperto, lanciando un invito a tutti i suoi coetanei a non mollare mai.

Dopo una settimana arriva una telefonata dal Vaticano a papà Massimiliano. Quella lettera era stata aperta, letta, e apprezzata dal Pontefice. «Rispondo e una persona mi dice: non si spaventi la sto chiamando dal Vaticano, non è uno scherzo. Abbiamo ricevuto la lettera e se vi fa piacere siete invitati da Papa Francesco», racconta a Vatican News.

L’immagine di Fiammetta era diventata virale in breve tempo. Studia alla primaria di Mezzolombardo e balzò agli onori della cronaca per uno degli scatti che la ritraeva felice tra le montagne, al pascolo con le caprette, mentre studiava. Il suo banco di legno era all’aria aperta, in mezzo al suo gregge di caprette, un po' come il personaggio a cartoni animati di Heidi.

La bambina è particolarmente incuriosita dalla natura ed è stata molto a suo agio a fare la Dad in questo modo. «Le parole di Papa Francesco sul creato, le sue omelie, Fiammetta le ha sempre ascoltate con grande attenzione», racconta il padre. In fondo, la sostenibilità è fatta anche da piccoli gesti come il suo. Basta avere un pc, una connessione internet e la scuola arriva fino nelle vette più disabitate.

Durante l’udienza, il Papa le ha fatto una domanda ben precisa: «Cosa hai fatto Fiammetta, che hai smosso il mondo con questo tuo modo di essere?». E, poi, ha proseguito: «Sei come le tue caprette… vai libera sulle montagne. Sei una bambina molto fortunata!».

Una giornata di DAD con Fiammetta: la bimba "a scuola" sui pascoli in Trentino