La Dublin Society for the Prevention of Cruelty to Animals (DSPCA) ha fatto un appello a non acquistare anatroccoli. La "Freeway Poultry" della contea di Limerick, un'allevamento di anatre locale, ha annunciato di aver sospeso la vendita degli animali al pubblico da lunedì scorso. E altre associazioni si stanno unendo per fermare il fenomeno che si è scatenato su TikTok con l'hashtag #ducklings. Si tratta di video che mostrano appunto dei piccoli pennuti in diverse situazioni, creati appositamente per seguire il trend e che hanno portato a un commercio illegale anche in strada di questi animali in vendita a soli 5 euro.

I video sulla piattaforma con l'hashtag "anatroccoli" hanno accumulato ad ora più di 276 milioni di visualizzazioni.  Una preoccupante nuova mania degli utenti che creano contenuti utilizzando i pulcini per filmare quello che viene anche chiamato "un giorno nella vita di un anatroccolo".

La Dublin Society for the Prevention of Cruelty to Animals ha sottolineato che «ci sono persone che scendono nei fiumi e nei canali, raccolgono alcuni anatroccoli e li rivendono in giro. Abbiamo scoperto che una signora ne ha comprati dieci da alcuni ragazzi che li vendevano».

Il problema, ovviamente, riguarda il maltrattamento di questi animali che vengono portati via dalle loro mamme. «Chi si prenderà cura di loro? Saranno seguiti adeguatamente? Vivere nella vasca da bagno di qualcuno non è certo una buona casa per un anatroccolo», ha sottolineato ai media locali la responsabile dell'istruzione e dei media del DSPCA.

L'allevamento di Limerick invece ha puntato l'attenzione anche e soprattutto sull'etologia della specie: «Questa nuova mania è molto preoccupante perché gli anatroccoli sono animali sociali e non se la cavano molto bene da soli», esortando chiunque abbia acquistato un anatroccolo e non abbia le possibilità per accudire l'animale a contattare loro o il centro di soccorso locale.

Gli anatroccoli che si vedono nei video sono decisamente molto piccoli, dovrebbero stare con i loro genitori, essere accuditi adeguatamente e se la mania continua tanti altri rischiano di fare una bruttissima fine per una sciocchezza come le immagini che stanno girando sul social network.