©Kahuzi–Biega National Park
in foto: ©Kahuzi–Biega National Park

Mugaruka, il famoso gorilla silverback di 34 anni, ultimo discendente di Maheshe, l'esemplare ucciso dai bracconieri la cui immagine è stata stampata su una banconota da 50.000 zaïre, è purtroppo morto venerdì 15 ottobre. Il suo corpo è stato ritrovato all'interno di una piantagione di tè vicino al Kahuzi-Biega National Park, nella Repubblica Democratica del Congo, dove viveva.

Banconota da 50.000 zaire della Repubblica Democratica del Congo con l’immagine di Maheshe
in foto: Banconota da 50.000 zaire della Repubblica Democratica del Congo con l’immagine di Maheshe

La morte è avvenuta a seguito di una breve malattia e, nonostante il monitoraggio dei guardiani del parco, purtroppo non ce l'ha fatta. Mugaruka era soprannominato anche "il gorilla solitario" in quanto aveva perso una mano a causa di una trappola posta dai bracconieri e, per questa malformazione, non era mai riuscito a trovare una femmina con cui accoppiarsi e a lasciare discendenti. Il gorilla era però molto amato dal pubblico e dai ranger e spesso andava in visita all'area generale del parco, provocando l'entusiasmo di tutti i presenti. Il Kahuzi-Biega National Park lo ricorda in un post Facebook, dove annuncia il profondo dolore dovuto alla sua improvvisa scomparsa:

Il Kahuzi Biega National Park è stato creato nel 1970, occupa un'area di ben 60000 ettari e si trova a 30 Km dalla città di Bukavusi in Congo. Ospita i pochi esemplari di gorilla di pianura orientali (Gorilla beringei graueri) rimasti, una delle quattro sottospecie di gorilla, divisi in due gruppi: uno composto da 36 individui, e l'altro da 17.

Video di Mugaruka pubblicato dal Kahuzi Biega National Park

Rispetto alle altre sottospecie, il gorilla di pianura orientale presenta un corpo più tozzo, delle mani più grandi e un muso più corto ed è classificato dalla IUCN (International Union for Conservation of Nature) come in pericolo critico. Negli ultimi 20 anni infatti, ha subìto un rapido declino a causa principalmente del bracconaggio per la carne e il commercio, ma anche per la perdita di habitat. Recenti indagini dimostrano che il numero di gorilla di pianura orientale è sceso del 77% in una sola generazione, arrivando ad oggi a soli 3.800 individui. Si stima che nel 2054, se non verranno attuate delle misure drastiche di conservazione, rimarrà solo il 14% della popolazione.

Le infezioni respiratorie che mettono a rischio i gorilla di montagna